Pregliasco senza ritegno terrorizza i polli anche a Natale: manco fosse Otelma, preconizza raffreddori a raffica spacciati per peste bubbonica

Arriveremo a 100mila casi a metà gennaio”

“Gli spostamenti per le feste, i baci, gli abbracci e poi la riapertura delle scuole il 10 gennaio faranno sentire i loro effetti con il picco probabilmente attorno al 15-20 gennaio. Potremmo arrivare, come in altre nazioni, a circa 100mila casi al giorni di positivi”. Lo dice ad ‘Affaritaliani.it’ il direttore sanitario del Galeazzi di Milano e membro del Cts della Lombardia Fabrizio Pregliasco sottolineando che “non siamo ancora arrivati al picco di questa nuova ondata, che presumibilmente si raggiungerà dopo le feste”.

“Dobbiamo considerare il coronavirus come l’andamento delle onde che produce un sasso nello stagno. Prima abbiamo la più imponente e poi se ne verificano delle altre – afferma – Non siamo ancora al livello dell’acquietamento. Ci sarà probabilmente un’altra ondata il prossimo inverno, dopo che in primavera e in estate, grazie anche al caldo e al fatto che le persone stanno maggiormente all’aperto, sicuramente si registrerà un miglioramento”. Secondo Preglisco, dunque, nel 2022 “non usciremo dalla pandemia

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Berlusconi può smettere di leccare la feccia e illudersi di andare al Quirinale: negli stessi giorni deve andare in tribunale per le cene con i suoi puttanoni

Next Article

Capodanno, sono arrivati a fare un decreto apposito per decidere le imposizioni: poi non dite che non è dittatura

Related Posts