Mentre mezza Europa riapre senza restrizioni, oggi in Italia celebriamo un giorno nero per la democrazia

Monica Guerzoni e Fiorenza Sarzanini per www.corriere.it

Due anni dopo il primo decreto che aveva dichiarato lo stato di emergenza per la pandemia da Covid-19, il governo fissa una data per i primi allentamenti. Dall’11 febbraio non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto e riapriranno le discoteche. È il primo passo, se la curva epidemiologica continuerà a scendere anche altre misure potrebbero essere allentate nelle prossime settimane.

E se scenderà ancora, è possibile che l’Esecutivo decida di sospendere lo stato di emergenza che scade il 31 marzo. La scelta sarà fatta non prima della fine di febbraio e in ogni caso valutando i dati dei ricoveri sia nelle aree mediche sia nelle terapie intensive.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

 Molto dipenderà dalle indicazioni sull’eventuale quarta dose di vaccino e dunque sulla necessità di portare a termine la campagna di immunizzazione e poi fissare le modalità per andare a regime.

Mascherine all’aperto, quando usare le Ffp2

Fino al 10 febbraio è obbligatorio indossare la mascherina all’aperto e al chiuso. Dall’11 febbraio sarà obbligatorio indossare la mascherina in tutti i luoghi chiusi. Nei bar e nei ristoranti va indossata soltanto quando ci si alza dal tavolo.

Nei cinema e nei teatri va indossata sempre. Nelle palestre e nei centri sportivi va portata soltanto quando si sta nelle aree comuni e si può naturalmente togliere equando si fa attività sportiva.

Su treni, aerei, navi e su tutti i mezzi del trasporto pubblico locale — autobus, metropolitane e tram — è obbligatorio indossare le Ffp2. I contatti stretti dei positivi, se hanno effettuato la terza dose da meno di 120 giorni non devono rispettare la quarantena, ma indossare per dieci giorni la mascherina Ffp2 e rispettare l’autosorveglianza.

Apertura delle discoteche, rinvio all’11 febbraio

Si torna a ballare dall’11 febbraio. Le discoteche, che attualmente sono aperte soltanto come locale pubblico per intrattenimento con il posto al tavolo, potranno invece consentire l’accesso in pista per ballare.

Potrà entrare soltanto chi ha il green pass rafforzato, quindi guariti o vaccinati. Se la discoteca è al chiuso sarà obbligatorio indossare la mascherina, tranne quando si sta in pista a ballare.

Nelle discoteche all’aperto si potrà stare invece senza mascherina. Il protocollo già approvato prevede il limite di capienza che non può essere superiore al 75% all’aperto e 50% al chiuso rispetto a quella massima autorizzata. I gestori avevano chiesto di portare la capienza al massimo, ma al momento rimangono i limiti.

Vaccino per gli over 50: oggi il via all’obbligo

Scatta da oggi l’obbligo vaccinale per chi ha più di 50 anni d’età. Chi non si è sottoposto almeno alla prima dose di vaccino, salvo i cittadini esentati per motivi di salute, è passibile di una sanzione una tantum da 100 euro che sarà erogata dall’Agenzia delle entrate su segnalazione del ministero della Salute.

Dal 15 febbraio chi ha più di 50 anni dovrà esibire il green pass rafforzato (che si ottiene se si è vaccinati o guariti) per accedere al posto di lavoro. Chi non ha il green pass deve essere sospeso dalle funzioni e dallo stipendio, ma non subisce sanzioni disciplinari. Chi viene sorpreso sul luogo di lavoro senza green pass rischia una multa da 600 a 1.500 euro, e chi non controlla rischia da 400 a 1.000 euro. In caso di recidiva la sanzione raddoppia.

Green pass, la validità scende da 9 a 6 mesi

Il green pass rafforzato, che si ottiene se si è vaccinati o guariti, sarà valido 6 mesi dall’ultima somministrazione. Le agenzie regolatorie Ema e Aifa non hanno autorizzato la somministrazione della quarta dose, quindi il governo deve modificare il decreto in vigore e rendere la certificazione verde senza scadenza.

Total
0
Shares
3 comments
  1. “Democrazia”?!
    Quale “democrazia”… viviamo in una OLIGARCHIA:
    la DITTATURA dei MILIARDARI globalisti,
    con i soldi che hanno da generazioni, si sono comprati tutti i governi dell’occidente e tutti i media, TV, giornali…
    Comunque… che ogni democrazia, poi imputridisca in una oligarchia, l’aveva già previsto Platone… qualche anno fa…

  2. Se continuiamo a farci calpestare, diamo in mano al Governo un potere che potrà essere usato in futuro per qualsiasi altra cosa voglia ottenere dal popolo. Ora lo ha fatto con una minoranza, ma in futuro potrà esercitare il potere dittatoriale con tutti, anche con quei cittadini che ora se ne fregano o addirittura godono delle disgrazie altrui.
    È possibile fare una denuncia collettiva alla Corte di Giustizia Europea?
    Quanto peso può avere il parere-denuncia, espresso il 20 gennaio 2022, dal Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina?
    Facciamo qualsiasi cosa, per colpire chi ci sta privando della libertà!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Lutto nel mondo della televisione: è morto a 92 anni Tito Stagno, storico telecronista dello sbarco sulla luna

Next Article

Sanremo è l'unico bastione "No vax": mentre per gli Over 50 il vaccino è obbligatorio per lavorare, al Festival si può partecipare anche senza aver ricevuto il siero magico

Related Posts