Con questa guerra diventeranno buoni anche quelli di CasaPound? Tenetevi forte: praticamente hanno la stessa posizione dei loro nemici del PD

Sono una sessantina i foreign fighters italiani in questo conflitto e tra questi diversi apparterrebbero alla galassia nera italiana.

La guerra in Ucraina divide anche il fronte nero italiano. Secondo il Corriere della Sera sono una sessantina i foreign fighters italiani in questo conflitto e tra questi diversi apparterrebbero alla galassia nera italiana. Ma non tutti si sono schierati dalla stessa parte.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui 👇
https://t.me/capranews

Un derby che vede per l’ennesima volta contrapposti i due gruppi italiani di estrema destra che da anni provano a contendersi la supremazia di area: CasaPound e Forza Nuova.

Dalla parte dell’Ucraina c’è CasaPound, che intrattiene rapporti con il famigerato battaglione di area neonazista Azov. Dalla parte di Putin, che proclama di voler “denazificare l’Ucraina”, c’è, invece, Forza Nuova. 

Tra i mercenari neri più celebri che combattono contro l’Ucraina c’è Andrea Palmeri,  detto “il generalissimo”. Già capo ultrà del Lucca combatte nel Donbass da anni. Su di lui pende un mandato d’arresto internazionale: è stato condannato dal tribunale di Genova a cinque anni di carcere perché ritenuto responsabile del reclutamento di mercenari filorussi. Legati a lui nella stessa indagine, ci sarebbero anche Gabriele Carugati detto “Arcangelo”, di Varese, e Massimiliano Cavalleri, detto “Spartacus”, di Brescia.

La galassia neonazista ucraina, invece, ha comprovati rapporti con CasaPound. Oltre agli incontri, sono diversi i camerati italiani che sono andati a condividere l’addestramento e il fronte con le milizie neonaziste in Donbass. Arruolato al fianco del battaglione Azov, negli anni scorsi, c’è stato Francesco Saverio Fontana, detto “Stan”, ex Avanguardia nazionale. E poi Alberto Palladino, detto “Zippo”, condannato nel 2017 per aver aggredito con dei bastoni alcuni militanti del Pd mentre attaccavano dei manifesti a Roma, che è stato avvistato più volte nel Donbass.

Entrambi gli schieramenti non hanno tenuto però una posizione sempre coerente negli anni. Nel 2014,  Forza Nuova, prima di passare dalla parte di Putin, ha dimostrato vicinanza, anche con un’accorata lettera del suo fondatore Roberto Fiore, al partito ucraino neonazista Svoboda. Allo stesso tempo il leader di CasaPound, Simone Di Stefano, nel 2017, aveva ammesso la sua simpatia per Putin.

Total
0
Shares
4 comments
  1. Il PD, negl’ultimi anni, ospitò in vari eventi, i NAZISTI UCRAINI, senza creare “scandalo” o riprovazione (disgusto)
    “Il Partito ha sempre ragione”
    Così si poteva vedere un banchetto che raccoglieva fondi per i nazisti ucraini, mentre a fianco c’era la colletta “antifascista”
    Dunque alle prossime feste dell’Unita’ non mi voglio perdere i compagni che applaudiranno gl’amatissimi nazisti ucraini (banderisti)
    che sfileranno al passo dell’oca, insieme ai pagliacci di CasaPound ah ah ah
    Poi si fonderanno in CasaPD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Arrivano i profughi Ucraini? Ricciardi si sfrega vergognosamente le mani! Il suo primo pensiero? Non l'accoglienza ma una sana puntura

Next Article

"Rimuovete la statua di Putin" Il PD strepita contro l'unico comune che lo ha onorato con una statua. La risposta? Una sonora pernacchia

Related Posts