“Volete il grano? Levate le sanzioni” Putin lo ha detto chiaro a Draghi: il coltello dalla parte del manico ce l’ho io

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto una conversazione telefonica con il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin. Il colloquio si è incentrato sugli sviluppi della situazione in Ucraina e sugli sforzi per trovare una soluzione condivisa alla crisi alimentare in atto e alle sue gravi ripercussioni sui Paesi più poveri del mondo. Così in una nota Palazzo Chigi.

Il presidente russo Vladimir Putin ha, inoltre, assicurato al premier italiano Mario Draghi che la Russia è determinata a continuare a garantire forniture ininterrotte di gas all’Italia. Secondo le agenzie di stampa russe, nel colloquio con Draghi, Putin avrebbe affermato che la Federazione Russa è pronta a contribuire al superamento della crisi in cambio della rimozione delle sanzioni. Il capo del Cremlino ha nuovamente puntato l’indice contro la politica finanziaria dei Paesi occidentali che avrebbe portato al «fallimento delle catene logistiche» con il conseguente scoppio dell’allarme alimentare a livello mondiale.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

«Si è discusso della situazione in Ucraina. In particolare, Vladimir Putin ha informato del lavoro in corso per stabilire una vita pacifica nelle città liberate del Donbass. Ha parlato in dettaglio delle misure adottate per garantire la sicurezza della navigazione, compresa l’apertura quotidiana di corridoi umanitari per l’uscita di navi civili dai porti del Mare di Azov e del Mar Nero e che la parte ucraina sta impedendo», ha affermato il servizio stampa del Cremlino. Sono inoltre state fornite «valutazioni principali del processo negoziale, congelato da Kiev», ha sottolineato Mosca.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Lutto nel mondo del cinema: è morto Ray Leotta, leggendario protagonista di "Quei bravi ragazzi". Aveva 67 anni, è morto all'improvviso

Next Article

Nuovo allarme alimentare: dolci, pesce e cornflakes. Tutti ritirati dagli scaffali dei nostri supermercati

Related Posts