“Putin malato terminale? Non ci credo” Lucio Caracciolo ridicolizza dalla Gruber i servizi segreti americani

Vladimir Putin sarebbe stato sottoposto a trattamenti per un tumore in stadio avanzato ad aprile. La notizia di Newsweek, che cita fonti dell’intellingence Usa che avrebbero letto i rapporti redatti dai servizi segreti statunitensi, viene dibattuta all’interno dell’edizione del 2 giugno di Otto e mezzo, talk show di La7 condotto da Giovanni Floris. A diffondere scetticismo c’è Lucio Caracciolo, direttore della rivista geopolitica Limes, che crede poco a tali ricostruzioni americane sulla Russia: “La fortuna dei politici forti, che siano democratici o che non lo siano come quello russo, è che non c’è solo il capo, ci sono delle strutture che interpretano il capo e cambiano completamente l’intenzione del capo, producendo risultati forse meno irrazionali di quelli che può pensare un capo un po’ matto. Io francamente non credo alla malattia di Putin, sono venti anni che gira questa storia, non è un folle Putin. E non credo neanche al rimbambimento di Joe Biden. Può essere pure – chiosa Caracciolo sul presidente della Russia – che Putin sia malato eh, ma allora lo curano molto bene, sono veramente vent’anni che gira questa storia”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI 

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Sono quelli pagati da Putin" Paolo Mieli spara l'idiozia del mese: senza uno straccio di prove il leccapiedi della feccia punta il dito contro chi non è allineato

Next Article

Vaiolo delle scimmie, l'Oms lancia un allarme che sembra studiato apposta per terrorizzare: in estate la massima diffusione

Related Posts