“Taci, hai stremato gli italiani!” Enrico Letta fa il fenomeno, Giorgia Meloni gli tappa la bocca in tempo reale

Botta e risposta a distanza tra Giorgia Meloni ed Enrico Letta. Ad aprire lo scontro, il segretario del Partito democratico che senza smentirsi ha affermato: “Se non vinciamo noi, c’è la Meloni a Palazzo Chigi e noi non faremo la protezione civile, ci si tiene la destra per cinque anni”. Ecco allora che la leader di Fratelli d’Italia lo ha sistemato con un sintetico post su Facebook: “In questi anni, senza mai aver vinto un’elezione politica, avete stremato gli italiani con le vostre politiche sbagliate e dannose. Se per voi questa è stata una ‘Protezione civile’ vuol dire che vivete davvero su un altro pianeta…”. 

Ma Letta è in buona compagnia. Come ricordato qualche giorno fa dalla Meloni, anche la banca d’affari Goldman Sachs le prova tutte pur di togliere la parola agli italiani. Questa – tuonava – “si affannava a lanciare l’allarme sulle prossime elezioni politiche in Italia, dicendo che se dovesse vincere il centrodestra potrebbero esserci problemi di stabilità sul debito pubblico. Il problema degli illuminati banchieri newyorkesi è che, dati alla mano, questa narrazione fa acqua da tutte le parti”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic QUI

La riprova? Chi ha “sconquassato i conti pubblici dal 2011 ad oggi”. Ossia “tutti i governi tecnici (perennemente sostenuti dalla sinistra che perde le elezioni), o nati da inciuci di Palazzo”. Da qui la conclusione: “La realtà dei fatti è soltanto una: la finanza speculativa ha paura che un governo forte, voluto dagli italiani per difendere esclusivamente i loro interessi, ponga fine al saccheggio”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Parli come i bambini" Ovvio che Giletti abbia avuto un malore: la portavoce del Ministro Lavrov lo ha rivoltato come un calzino

Next Article

Armi italiane all'Ucraina, ci risiamo con le minacce mai seguite dai fatti: dopo Conte, oggi è il turno di Salvini. Solite parole, poi vedrete che il 21 giugno saranno tutti genuflessi di fronte al Dittatorello

Related Posts