“E’ gravissimo” Romano Prodi si aggiunge allo stucchevole coro dei leccapiedi della Mummia: fanno quadrato su di un soggetto che non ha mai difeso quelle migliaia di italiani che hanno perso dignita’ e stipendio a causa di una inutile puntura

Prodi dopo l’attacco di Berlusconi a Mattarella: “Rischi per la democrazia, gli italiani sapranno come votare”.

Per l’ex premier lo scenario è degno di allarme e quello del leader di Forza Italia è però un autogol: “Si tratta di un grave errore politico, perché non è attaccando il presidente della Repubblica che si attraggono consensi”

In un’intervista a Repubblica Romano Prodi parla dell’attacco al Colle di Berlusconi.

Suo storico avversario, Prodi parla del leader di Forza Italia e sulle dichiarazioni sul presidenzialismo. Secondo l’ex premier, il rilancio del presidenzialismo associato alle dimissioni dell’attuale capo dello Stato deve far allarmare. “Le affermazioni di Berlusconi confermano quanto alto sia il rischio cui è esposta la democrazia italiana in caso di vittoria di questa destra” dice Romano Prodi. Ma resta ottimista e fiducioso nel popolo italiano e dice: “Ma sono certo che gli italiani ne terranno conto al momento del voto”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Il timore più grande di Prodi è che questa destra sovranista possa mettere mano alla Costituzione. Per Prodi che conosce bene il suo avversario con cui si è scontrato più volte – sconfiggendolo anche sia nel 1996 che nel 2006 – “Si tratta di un grave errore politico, perché non è attaccando il presidente della Repubblica che si attraggono consensi”. Bensì risulta produrre l’effetto opposto anche perché come ricorda Prodi, Mattarella è molto amato dal Paese.

Total
9
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Salman Rushdie è ricoverato in gravissime condizioni. L'attentatore islamico lo ha massacrato: rischia di perdere un occhio ed ha gravi danni al fegato

Next Article

"E' una questione da guerra civile" Maria Giovanna Maglie, con una lucidissima analisi suona la sveglia alla feccia sulla necessita' di una drastica diminuzione delle tasse

Related Posts