Allarme nei supermercati, non mangiate questi bastoncini di pesce: richiamo precauzionale per Carrefour e Tigros

Spesso sul sito del Ministero della Salute vengono segnalati su alcuni prodotti, che in pochissimo tempo vengo ritirati dai supermercati. Questa volta oggetto della segnalazione è un lotto di bastoncini di surimi a pezzi in salamoia a marchio Riunione. A segnalarne il richiamo precauzionale sono stati due supermercati, ovvero il Carrefour e Tigros. Vediamo nel dettaglio il motivo di questo nuovo allarme alimentare.

Allarme nei supermercati, non mangiate questi bastoncini di pesce: cos’hanno scoperto

Nuovo allarme alimentare: questa volta oggetto della segnalazione è un lotto di bastoncini di surimi a pezzi in salamoia a marchio Riunione. A segnalarne il richiamo precauzionale per un possibile errore di etichettatura sono stati due supermercati (Carrefour e Tigros). Su alcune confezioni, infatti, potrebbe essere presente un’etichetta sbagliata, quella dei gamberi in salamoia al posto di quella del surimi. Come riportato da Il Fatto Alimentare e ripreso da Libero, il prodotto in questione è venduto in barattoli dal peso netto di 500 grammi con lotto 15790-20 e data di scadenza 13/11/2022. I bastoncini di surimi richiamati sono stati prodotti per Riunione Industrie Alimentari dall’azienda Chrisfish Danmark A/S, nello stabilimento di Fiskerihavnsgade 47, a Frederikshavn, in Danimarca. Per ricevere ulteriori informazioni si può contattare l’azienda tramite questi due numeri di telefono: 010 803344 interno 1211/216 oppure 351 8240057.

Cos’è il surimi

Con il termine surimi (pesce tritato) si indica un prodotto composto essenzialmente da polpa di merluzzo (generalmente merluzzo d’Alaska) e carboidrati confezionato solitamente in cilindretti colorati arancioni e bianchi formati da vari strati di sfoglia di polpa di pesce arrotolata e tenuta insieme da addensanti di tipo alimentare. La definizione giuridica di surimi è preparazione a base di proteine di pesce. È un tipo di preparazione diffusa da alcuni secoli in Giappone che, grazie alle nuove tecniche di produzione e conservazione industriale, si è diffusa in tutto il mondo.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

La Spagna porta l’Iva sul gas dal 21 al 5%: la banale strategia di Pedro Sanchez per contrastare almeno in parte la truffa. In Italia l'unica misura rimane il consiglio di passare l'inverno al freddo

Next Article

Conte si riduce a fare il Salvini: va a Milano sotto casa del Capitone per fare propaganda contro le centrali nucleari

Related Posts