Speranza “tortura” i sanitari sospesi. Ecco con chi li ha sostituiti questa volta: dopo i cubani, ha chiamato medici e infermieri da Paraguay, Ucraina e Albania

La deriva che sta prendendo l’Italia è veramente preoccupante. Sembra quasi stia diventando un vizio quello di cacciare i sanitari italiani perché inadempienti all’assurdo, criminale, ricattatorio, insensato e becero obbligo vaccinale, per poi sostituirli con del personale straniero. Ancor più paradossale è il fatto che i suddetti sanitari magari sono ugualmente non in regola con le dosi, o magari sono stati sottoposti ad iniezioni con farmaci mai autorizzati nell’Ue. Ebbene, dai medici cubani in Calabria, quelli argentini in Sicilia, gli infermieri dai Balcani in Veneto, ora l’ultimo urticante esempio arriva dal Trentino.

Nella seduta del 6 settembre scorso, l’Ordine degli infermieri ha disposto la sospensione di 125 professionisti. Nei giorni seguenti sono stati revocati una trentina di provvedimenti, dunque i sospesi al momento rimangono circa un centinaio. E non si tratta soltanto di convinti “reietti no vax”, perché sotto la falce dell’Ordine sono finiti anche infermieri che non hanno ancora ricevuto il richiamo, o che sono guariti più di sei mesi fa e, nel frattempo, hanno rifiutato di correre all’hub. Che il regolamento imposto da Roma sia privo ogni tipo di logica e di fondamento scientifico ormai lo hanno capito anche i sassi. E’ di dominio pubblico che la vaccinazione non impedisce il contagio e, dunque, il proposito della precauzione decade. Anzi, i dati dimostrano che gli inoculati a vario titolo si contagiano come o più di chi non si è sottoposto alla punturina. Il paradosso che si è venuto a creare, come sottolinea La Verità, è che quelli da cui guardarsi dovrebbero essere soprattutto i vaccinati.

Il fanatismo pseudoscientifico di Roberto Speranza e soci ha causato incommensurabili danni a tutto il Paese e, nondimeno, ha aggravato una piaga permanente del sistema sanitario: la carenza di personale. Come si può porre rimedio a questo folle cortocircuito? Secondo le autorità sanitarie basta reclutare gente dall’estero. Soltanto pochi giorni fa abbiamo scritto degli “infermieri d’oro” da 8mila euro al mese nel Veneto. Ora si adegua anche il vicino Trentino, dove le Rsa hanno pensato bene di rivolgersi a Paraguay, Ucraina, Albania. Paesi nei quali la copertura vaccinale non è proprio estesa. Sull’altra sponda dell’Adriatico, infatti, quelli che hanno completato il ciclo primario compongono circa il 44% della popolazione; nel Paese sudamericano, il 52%; in Ucraina, soltanto il 35%.

Come dicevamo, questo perverso modus operandi sembra prendere sempre più piede. A luglio, la Regione Lombardia aveva pubblicato un bando (in scadenza a novembre) per infermieri ucraini. Trenta euro lordi l’ora, per massimo 34 ore settimanali: 1.020 euro ogni sette giorni, fino a marzo. Ma oltre il danno arriva anche la beffa nei confronti degli italiani privati del lavoro, dello stipendio e della dignità, visto che tra i requisiti per l’assunzione non figurava la vaccinazione anti Covid. A fine agosto, uno scenario simile si verifica in Calabria: per «garantire il diritto alle cure ai cittadini», come aveva spiegato il governatore, Roberto Occhiuto, la Regione aveva incredibilmente arruolato 500 medici da Cuba. I costi per la collettività? 3.500 euro lordi al mese ciascuno, più 1.200 euro per le spese vive, da aggiungere a quelle per i due viaggi l’anno da e per l’isola caraibica. A cui si devono anche sommare i costi dei corsi di formazione da svolgere qui da noi. Ecco allora che arriva la volta della Sicilia: per far fronte alle falle nell’ospedale di Mussomeli (Caltanissetta), sono stati ingaggiati medici dall’Argentina.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

“Stranamente, la Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi), mentre lamenta che mancano «oltre 65.000» camici verdi, con gravi ripercussioni soprattutto sulle residenze per anziani, non s’avvede della contraddizione: si mandano a casa operatori esperti, poiché non allineati ai diktat ministeriali, per pescare sostituti nel Terzo mondo”, scrive La Verità, in tutta ragione. Nell’articolo viene poi sottolineato che “Questi episodi confermano le più recenti scoperte sul Covid: il virus intacca pure il cervello. Già, perché altrimenti basterebbe usare un po’ di logica e di buon senso, per capire in quale vicolo cieco ci sta cacciando il parosissimo vaccinista della linea Speranza. Una volta preso atto che i preparati a mRna non sono sufficienti ad arrestare la trasmissione del Sars-Cov-2, sarebbe bastato raccomandarli a dottori e infermieri, al semplice scopo di proteggere sé stessi dalle conseguenze gravi di una malattia cui, per ovvi motivi, essi sono più esposti di altre categorie professionali. Invece, persino nella fase in cui è stata cancellata la maggior parte delle altre restrizioni, un ministro ipocondriaco ha voluto accanirsi sugli ex «angeli» della pandemia”. Ecco i risultati di questa scellerata e psicotica gestione.

Total
28
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

San Gennaro, la feccia al completo nella Cattedrale di Napoli per il gioco di prestigio del finto sangue del patrono cittadino

Next Article

"E' un patrimonio dell'intera nazione" Roberto Speranza, il delirio in diretta tv sulla delinquenziale campagna vaccinale

Related Posts