“Vieni a dirlo alla gente senza farti proteggere dalla scorta” Conte fa il fenomeno con Renzi sul reddito di cittadinanza, il provvedimento che garantira’ una valanga di voti al sud grazie ai soldi di chi lavora per davvero

Si accende la campagna elettorale. Scontro Renzi-Conte sul reddito di cittadinanza

A una settimana esatta dall’appuntamento con le urne, si infiamma la campagna elettorale in una domenica segnata da uno scontro a trecentosessanta gradi. È il tutti contro tutti: se le suonano di santa ragione Giuseppe Conte e Matteo Renzi, il quale chiama la ministra dell’Interno Lamorgese in vista del comizio che terrà a Palermo, per chiedere di alzare il livello di guardia dopo le minacce di morte ricevute sul cellulare.

Clima rovente anche in casa centrodestra, con il botta e risposta a distanza tra Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni sul Pnrr. Alta tensione anche tra Matteo Salvini e Mario Draghi. Dulcis in fundo, il battibecco tra il leader di Forza Italia e il Pd sul gas russo.

Lo scontro Renzi-Conte

Ma a tenere banco sul finire di giornata è la lite tra Renzi e Conte, innescata dalle parole del leader del Movimento 5 stelle. “Renzi parla di vergogna per il reddito di cittadinanza ma se parla di vergogna lui che da senatore prende 500 euro al giorno… non scherziamo. Non si vergogna lui che si è fatto pagare dagli arabi e ha fatto una marchetta sul rinascimento saudita…”, dice l’ex premier da Palermo.

Per poi lanciare l’affondo: “Renzi venga senza scorta a parlare con i cittadini a parlare ed esporre le sue idee. Dica che in Italia non serve un sistema di protezione sociale. Venga a dirlo e non si nasconda”. La replica del leader Iv è durissima: “Ti devi vergognare Giuseppe Conte pensando che qualcuno possa picchiarmi. È incredibile questo modo di fare che inneggia alla violenza, Conte sei un mezzo uomo, abbi il coraggio di fare un confronto civile, questo è un linguaggio da mafioso della politica“.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Sulla vicenda interviene anche Salvini: “È frustrante vedere gli insulti fra Conte e Renzi. Se veramente il signor Conte ha detto ‘vieni qua senza scorta, ne parliamo e vediamo che fine fai’ questo si faceva alle scuole medie dopo la partita di pallone persa. Non mi sembra un modo ragionevole di dialogare”.

Ma la ‘diatriba’ non finisce qui: Renzi rincara la dose, osservando che “non è mai successo nella storia repubblicana che Berlusconi abbia detto a Prodi vieni senza scorta in piazza e ti facciamo vedere noi. È il linguaggio di Trump, lesivo delle istituzioni. Conte istiga alla violenza e all’odio verbale. Io ho decine di minacce di morte sul telefono da persone che dicono ‘ci vediamo domani a Palermo’. Se domani (domenica 18 settembre, ndr) in piazza succede qualcosa io considero responsabile morale e mandante il signor Giuseppe Conte, c’è una deriva trumpiana di Conte, evoca Capitol Hill”.

E Italia viva fa sapere che Renzi ha chiamato la ministra Lamorgese chiedendole “particolare attenzione all’ordine pubblico per l’evento a Palermo”. Il leader M5s si difende negando di aver rivolto a Renzi minacce. “Nessun incitamento alla violenza ma solo un invito a confrontarsi. Istigare alla violenza è contrario al mio credo e ai miei valori“.

E ancora: “Renzi la smetta con le furbizie e non stravolga le cose. L’unica vera minaccia è quella che Renzi rivolge ogni giorno verso chi e’ in gravi difficoltà economiche e non arriva neppure a metà mese”. Infine, per Conte Renzi “sta facendo una battaglia contro i poveri”.

La diatriba sul Pnrr

Mentre i due ‘litiganti’ non se le mandavano certo a dire, è Berlusconi ad accendere la miccia nel centrodestra. L’ex premier giudica “illogico e pericoloso” ridiscutere il Pnrr. Che, invece, e’ una delle principali richieste che da settimane avanza Giorgia Meloni. La cui replica non e’ tranchant ma nemmeno morbida: “Io credo che il Pnrr non sia un tema ideologico. E ridiscuterlo non e’ pericoloso”.

Total
11
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Sgarbi show, sbaglia strada, trova un matrimoni, si imbuca e ne combina di tutti i colori con sposi, prete e invitati

Next Article

Elezioni, ferma tutto! Le elezioni potrebbero slittare al prossimo novembre: attesa per stasera una sentenza sul ricorso del solito Marco Cappato. Ecco cosa devono decidere

Related Posts