“Non ci piegheremo più agli apprendisti stregoni che hanno ispirato Speranza” Meloni gioca il Jolly provando a strizzare l’occhio a chi intende votare le liste anti-sistema

Piazza del Popolo, Meloni attacca Speranza: “Sul Covid non piegheremo libertà ad apprendisti stregoni”

Così la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha attaccato la gestione della pandemia da parte del ministro della Salute Roberto Speranza durante la chiusura della campagna elettorale del centrodestra a Piazza del Popolo a Roma. “Libertà vale anche per come intendiamo affrontare l’eventuale ritorno della pandemia: non accetteremo più che l’Italia sia l’esperimento dell’applicazione del modello cinese a un Paese occidentale”, ha detto. “Con il modello Speranza siamo stati il paese con le più grandi restrizioni e il più alto numero di contagi – ha concluso -. Non piegheremo più le nostre libertà fondamentali a questi apprendisti stregoni”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Nel corso del suo intervento al comizio di fine campagna elettorale del centrodestra, Giorgia Meloni ha attaccato direttamente Speranza definendo la gestione della pandemia da Covid impostata sul “modello cinese”. E ha spiegato quale sarà il suo modo di lavorare in un’eventuale nuova ondata. “Non accetteremo più che l’Italia sia l’esperimento dell’applicazione del modello cinese a un paese occidentale- ha detto dal palco – Il modello Speranza ci ha regalato una nazione che aveva le più grandi restrizioni e allo stesso tempo i più alti dati di contagio e di mortalità. Non piegheremo più le nostre libertà fondamentali a questi apprendisti stregoni. Difenderemo il diritto alla salute insieme ai valori fondamentali della nostra civiltà”.

Total
14
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

Ucraina, a Berlusconi scappa clamorosamente la verita'! In diretta da Vespa spiega con chiarezza cosa è accaduto sei mesi fa con l'attacco di Putin

Next Article

Al comizio finale non c'erano neppure i parenti! La figuraccia da godere di Enrico Letta in piazza a Palermo: quattro gatti abbracciati a cantare "Bella ciao"

Related Posts