Attentati al gasdotto, lo scorso febbraio Biden diceva chiaramente quale sarebbe stata la sua fine: d’altronde gli unici che hanno interesse a renderlo inutilizzabile sono solo ed esclusivamente loro

VERSO LA GUERRA E LA CARESTIA
Il gasdotto Nord Stream che importana il gas dalla Russia direttamente in Germania e poi in tutta Europa è stato compromesso in più punti e ora si indaga su un possibile sabotaggio. Secondo i danesi e i tedeschi, infatti, è molto difficile che si tratti di danni accidentali.
Dati i fatti, non si può non ripensare alle parole del presidente americano Biden che a febbraio, poco prima dello scoppio della guerra, aveva detto chiaro e tondo che se la Russia avesse invaso l’Ucraina non sarebbe più esistito un Nord Stream 2, nonostante fosse un progetto tedesco.
Ovviamente non ci sono abbastanza elementi per dire che si tratti di una o dell’altra fazione, o ancora di chi sembra giocare da una parte ma forse non è così. I rimpalli di responsabilità sono già iniziati ma una cosa è chiara: questo è un ulteriore passo verso la guerra totale che rischia di farci rimanere al freddo tutto l’inverno!
Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews
CHI HA SABOTATO IL NORD STREAM?
di Massimo Mazzucco
Sulle prime pagine di tutto il mondo campeggia l’immagine del Mar Baltico che ribolle, a causa di una fuga di gas dal gasdotto sottomarino Nord Stream. Come tutti sanno, questo gasdotto parte dalla Russia e raggiunge la Germania, portando il gas in tutta Europa.
Subito dopo la notizia della fuga di gas, si è diffusa anche la notizia che i punti danneggiati sono tre, e che i sismografi di Svezia e Danimarca hanno registrato forti esplosioni sottomarine, proprio nelle vicinanze dei punti danneggiati.
A questo punto nessuno più dubita che si sia trattato di sabotaggio. La domanda che ne consegue è: chi è stato?
Tutti i media occidentali sono stati pronti ad additare la stessa Russia come responsabile. La von der Leyen ha dichiarato: “E’ fondamentale ora indagare sugli incidenti, ottenere piena chiarezza sugli eventi e sul perché. Qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee attive è inaccettabile e porterà alla risposta più forte possibile”. Parlando di una “forte risposta”, la von der Leyen ha sottinteso che i responsabili fossero i russi.
Più espliciti ancora gli ucraini, per bocca di Mykhailo Podolyak, consigliere di Zelensky: “La ‘fuga di gas’ dal Nord Stream 1 non è altro che un attacco terroristico pianificato dalla Russia e un atto di aggressione nei confronti dell’Ue. La Russia vuole destabilizzare la situazione economica in Europa e provocare il panico pre-inverno”.
Ieri sera su LA7 Lilly Gruber ha intervistato il direttore di Die Zeit, Giovanni di Lorenzo. Non appena Di Lorenzo ha pronunciato la parola “sabotaggio”, immediatamente la Gruber ha aggiunto: “sabotaggio russo, ovviamente”.
Resterebbe da spiegare solo un piccolo particolare: perchè mai i russi, che hanno in mano il rubinetto del gas, dovrebbero mettere in atto una operazione così complessa e delicata, quando gli basterebbe dare una stretta definitiva a quel rubinetto per ottenere lo stesso identico risultato? Tanto, nessuno ormai dubita che la loro strategia primaria sia quella di ricattare l’Europa con il gas. Quindi, perchè farlo in modo così complicato e teatrale, quando gli basta chiudere il rubinetto alla fonte?
In tutto questo, nessuno ha solo minimamente osato suggerire che i colpevoli – o perlomeno i mandanti – siano invece gli americani, che hanno TUTTO l’interesse a vedere il doppio gasdotto Nord Stream morto e sepolto una volta per tutte..
E’ bello vivere in questa parte del mondo, abitato esclusivamente dai buoni “che non farebbero mai una cosa del genere”, mentre i cattivi stanno tutti dall’altra parte.
Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews
Total
36
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

E' morto Bruno Arena, l'amato comico e attore del duo "Fichi d'India": lo ha stroncato un malore. Aveva 65 anni

Next Article

Zelensky manda un augurio di buon lavoro a Meloni e, come avevamo previsto, lei risponde allo stesso modo con il quale avrebbe risposto un Letta o un Mario Draghi

Related Posts