“Noi i soldi di chi l’ha votata NON si vogliono”. Inizia così il post di Facebook pubblicato dal locale del litorale livornese “La Bua Dell’Orate” che, con il suo riferimento a Giorgia Meloni, ha scatenato le polemiche social. “Siete gentilmente pregati di essere coerenti con il vostro voto – prosegue il post – e di non frequentare più il Nostro Baretto di Invertite/Deviate*. Con Amore, la Bua”.

Un appello, quello lanciato dalla proprietaria Romina Matarazzo, che esprime unaa forte delusione elettorale e laancia un preciso messaggio ai frequentatori del pub: “Siate coerenti con le vostre scelte elettorali anche nello scegliere i posti dove trascorrere il tempo. Il mio è un locale inclusivo e senza etichette – spiega Romina Matarazzo – È un valore fondamentale per noi quindi chiedo a chi non lo condivide di scegliere un altro posto in cui rilassarsi”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Un appello dettato anche dell’amarezza. “Non sono un’esperta di politica, certo, ma non c’è bisogno di esserlo per capire che questo risultato costituisce una minaccia a diritti che sono invece fondamentali e vanno tutelati. Io sono omosessuale, il mio locale è frequentato da molti membri della comunità, ha partecipato e pubblicizzato il Toscana Pride e mi spaventa il pensiero che qualcuno che vuole solo rilassarsi in compagnia, in un luogo inclusivo, possa invece rischiare di essere attaccato da altri clienti con un’ideologia di pensiero come quella della Meloni. A questi ultimi chiedo semplicemente di fare una scelta conscia su dove trascorrere le proprie serate”.

La risposta del popolo di Facebook non si è fatta attendere e subito dopo la pubblicazione del post i “mi piace”, le condivisioni e soprattutto i commenti era già tantissimi. In molti esprimono solidarietà con la proprietaria, altri invece attaccano il gesto. “Qualcuno ha addirittura parlato di “nuovo fascismo”. Io non voglio imporre nulla, chiedo solo coerenza con i propri principi. Per noi questo è importante – spiega Matarazzo – I valori che definiscono il pensiero politico di Giorgia Meloni non solo non ci rappresentano ma spaventano anche. Con questo voto invece di progredire siamo tornati pericolosamente indietro. Detto questo, non impedirò alle persone di venire nel mio locale, ma chiedo loro di fare una scelta di coerenza ideologica”.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews