Lutto nel mondo del calcio. E’ morto Bruno Bolchi, il popolare ‘Maciste’: pochi sanno che fu il primo ad essere immortalato nelle figurine Panini

Da corriere.it

Il calcio dice addio a Bruno Bolchi. È morto nella tarda serata di ieri, martedì 27 settembre 2022, a 82 anni in un ospedale di Firenze dopo una lunga lotta con un tumore che aveva domato anni fa. Nato a Milano il 21 febbraio 1940 — di viale Monza 87, prima del ponte della ferrovia— , viveva da tempo a Pieve a Nievole (Pistoia).

Esordì in Serie A con l’Inter, a 18 anni, diventandone poi capitano — era la squadra di Herrera — tre anni dopo. Giocò poi col Verona, l’Atalanta e il Torino. La sua carriera di calciatore si concluse nel campionato 1970/71, a 30 anni e iniziò quella di allenatore, tecnico dei miracoli con il Bari 1983, quello che centrò due promozioni consecutive dalla C alla A e la semifinale di Coppa Italia battendo Juventus e Fiorentina. Poi, guidò anche una dozzina di altre squadre tra cui Cesena, Lecce e Reggina (centrando altre promozioni) e tra le altre Pistoiese, Catanzaro e Genoa.

Soprannominato (da Gianni Brera) «Maciste» per il fisico possente, era un personaggio carismatico leale e generoso ed era famoso anche per essere stato la prima figurina Panini, di cui però con rammarico raccontava al Corriere di non avere copie cartacee. Il suo scatto divenne poi introvabile come la mitica figurina di Pizzaballa, che tra l’altro fu suo compagno di squadra a Bergamo.

Scavalca la censura di regime dei social. Seguici via Telegram, basta un clic qui >https://t.me/capranews

Bolchi da allenatore ha raccontato di avere odiato la regola delle cinque sostituzioni, ricordando quando non se ne faceva nemmeno una («in 11 contro 11 se uno si faceva male si rimaneva in 10. Iniziavi la partita cosciente che avresti dovuto arrivare alla fine, saper dosare le energie era una qualità»).

Inoltre, ha sempre sostenuto che nonostante i cambiamenti dei tempi, gli atleti siano sempre gli stessi: «Oggi i calciatori sono uguali a vent’anni fa, e l’allenatore è grande se risolve i piccoli problemi quotidiani — raccontava — La lite in famiglia, la ripicca tra compagni, il piatto di pastasciutta da levare… con l’aggravante se mai che questi rispetto a noi guadagnano vagonate di soldi, cifre spaventose. Il Mago (Herrera, ndr) e Rocco tenevano il fuoco acceso sotto la partita tutta la settimana, poi il lunedì andavano a cena insieme, da amiconi. Potevano essere sinceri, allora, era un altro calcio. Oggi, se ti scappa mezza frase di troppo brucia una città».

Total
6
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous Article

"Non tirare fuori i morti!" Serracchiani senza vergogna difende Green pass e imposizioni: per fortuna basta Dragoni per sputarle in faccia

Next Article

Allarme per i wurstel killer: tre morti e 66 ricoveri. Sono molti i marchi a rischio: provocano la listeriosi

Related Posts